CURA E SALUTE DEL CANE

Il Pastore Maremmano Abruzzese è un cane rustico che non teme le avversità climatiche. Non bisogna quindi preoccuparsi se lo si vede tranquillo sotto la pioggia o la neve. Soffre piuttosto il caldo.

Pur essendo di costituzione molto forte e quindi meno bisognoso di particolari attenzioni, anche il Pastore Maremmano Abruzzese non deve essere trascurato nei suoi bisogni primari, soprattutto per quel che riguarda la socializzazione, le articolazioni, il pelo, le orecchie, le unghie, ecc.

Vediamo per punti quali sono le accortezze da adottare:

INFANZIA…MOMENTO CRUCIALE!

É sul cucciolo che dobbiamo svolgere il lavoro più importante. Un’adeguata alimentazione, la corretta socializzazione, l’interagire con l’allevatore, sono già tre punti di partenza che aiutano chi approccia con il cucciolo a costruire le basi per una crescita fisicamente e mentalmente equilibrata.

Esistono inoltre svariate integrazioni alimentari che permettono il corretto sviluppo articolare del cane, importantissime per evitare l’insorgere di problematiche, come ad esempio la Displasia dell’anca.

Quali sono le regole fondamentali per una crescita corretta?

  • Non esagerare con l’alimentazione
  • EVITARE SCALE, PAVIMENTI SCIVOLOSI, NEVE, GHIACCIO
  • Dopo il secondo vaccino, dedicarsi alla corretta socializzazione del cucciolo portandolo a contatto con persone, cani, altri animali, le più svariate situazioni.
  • PAZIENZA e COERENZA. Il tuo cucciolo prenderà esempio dai tuoi modi di fare. Più sarai tranquillo e deciso più lui crescerà in modo sano

PELO

Il Pastore Maremmano Abruzzese è dotato di pelo liscio e “auto pulente” che gli permette di far scivolare giù la sporcizia e il fango.

Tuttavia, anche in questo caso, il pelo va curato.

La corretta alimentazione permette al manto di conservare la caratteristica colorazione bianca e la morbidezza al tatto. Inoltre si evita l’insorgere di dermatiti, forfore fastidiose, eccessiva lacrimazione.

Il pelo del cucciolo è semplice da gestire perché poco soggetto a nodi. Dal momento in cui il cane svilupperà il pelo definitivo, non bisognerà dimenticare di spazzolarlo periodicamente soprattutto dietro le orecchie, sul petto e sulle cosce. La muta avviene due volte all’anno. Un piccolo trucchetto per aiutare il cane a pulirsi è quello di inumidire leggermente il pelo e cospargerlo con fecola di patate. Spazzolando il cane prima contropelo e poi nel verso del pelo si noterà una sensibile differenza.


UNGHIE

Anche le unghie vanno tenute sotto controllo e accorciate periodicamente con un tronchesino.

Spesso succede che il Pastore Maremmano Abruzzese porti le unghie nere e in questo caso….come fare per non recidere l’arteria? Tagliando l’unghia nel giusto senso.


ORECCHIE e OCCHI

Una volta alla settimana è bene fare un controllo delle orecchie, soprattutto nei cambi di stagione quando si passa ad una dieta diversa da quella solita. In questi momenti di “stress” fisico infatti, il cane potrebbe sviluppare otiti.

In ogni caso, con una salvietta umidificata o con prodotti specifici, va pulito bene l’orecchio e soprattutto asciugato sempre per evitare il manifestarsi di otiti. Nel caso degli occhi invece si interviene quando si notano secrezioni giallastre o verdastre (consultare un veterinario). L’occhio va pulito con acqua borica (non ossigenata) o salviette umidificate delicate.