Animali, premio internazionale per Conte. Il nostro cane da gregge è il pastore maremmano abruzzese più bello del mondo.

Animali, premio internazionale per Conte. Il nostro cane da gregge è il pastore maremmano abruzzese più bello del mondo.

Articolo di Roberta Merlin

Il pastore maremmano abruzzese appartiene a due perugini ed è stato allevato a Piove di Sacco: «Ha un profondo attaccamento al padrone»

Il campione mondiale junior della ‘World dog show di Ginevra 2023 ‘ è un pastore maremmano abruzzese allevato in Veneto. Conte, quasi un anno di vita, 50 chili, con il suo pelo bianco e folto si è aggiudicato il premio, categoria junior, della gara canina, che ha attirato partecipanti da ogni angolo del globo. Organizzato sotto l’egida della Federation Cynologique International, l’esposizione è un vero e proprio trionfo per il mondo dei cani, mettendo in luce la bellezza, la grazia e l’eleganza di molte razze diverse. E, in questa edizione, sul podio è salito anche un bellissimo cane allevato in Veneto, il piccolo “gigante” Conte, di proprietà di due perugini, ma nato, appunto, a Padova. Una grande soddisfazione per l’allevamento di Piove di Sacco di proprietà di Luigi Langella, appassionato di maremmani abruzzesi. 

L’orgoglio

“Siamo molto orgogliosi del traguardo raggiunto da Conte – spiega l’allevatore -, la nostra è una passione, dunque una vittoria, come quella conquistata, ci dà sicuramente maggiore motivazione per continuare ad allevare questa razza, non molto richiesta forse perché poco conosciuta. Il pastore maremmano abruzzese è, infatti, un cane da gregge”. Il mantello bianco dei cani da pecora è apprezzato fin dall’antichità, in quanto impedisce che i pastori scambino il cane per uno dei predatori durante gli assalti dei lupi al crepuscolo. “È però un cane che, negli ultimi tempi, è stato addestrato anche per vivere anche in altri contesti – spiega l’allevatore -. Ha un temperamento molto forte, sicuro e indipendente, come buona parte dei cani da lavoro. E come cane da pastore mostra un profondo attaccamento al padrone, che vede come un punto di riferimento”. 

La razza

I cani di questa razza, soprattutto i meticci, acquistati dai privati da cuccioli per loro aspetto tenero e peloso, una volta cresciuti vengono spesso abbandonati in canile. Ecco, dunque, l’appello dei proprietari di Conte (soprannominato anche “Contino”) informarsi bene, prima di adottare un cane,  in merito alle future dimensioni e alla relativa gestione.  “Un grande grazie ai proprietari Alessandro Ferracci e a Maria Chiara Moretti per essersi presi l’impegno di valorizzare Conte di Casa Langella raggiungendo questo importante riconoscimento – conclude l’allevatore padovano -. Un grazie anche a coloro che ci sostengono nel nostro percorso di selezione della razza, che non è solo bellezza, ma anche tanto impegno e sacrificio”.

https://corrieredelveneto.corriere.it/notizie/padova/cronaca/23_settembre_25/animali-premio-internazionale-per-conte-il-nostro-cane-da-gregge-e-il-pastore-abruzzese-piu-bello-del-mondo-7609ba44-3c31-407f-82c1-eec6d601bxlk.shtml?&trackingChannel=COR-REGWAL&trackingChannelSub=COR-REGWUP